EROSIONI E ABRASIONI DENTALI: PRENDERSI CURA DELLO SMALTO DENTALE

Un sorriso è una curva che raddrizza tutto” (Phyllis Diller).

A volte però sorridere può diventare motivo di insicurezza e disagio, soprattutto quando si mostrano denti consumati o danneggiati.

L’usura dentale, oltre a rovinare l’immagine del nostro sorriso, è spesso fonte anche di insofferenza e sensibilità dentale.

Forse non tutti sanno che lo smalto dentale, quello che riveste i nostri denti, è il tessuto più duro del corpo umano, ma nonostante ciò, la sua resistenza può essere messa a dura prova nel tempo, a causa di problematiche molto comuni quali erosioni e abrasioni dentali.

Ma quali sono le cause di erosioni e abrasioni dentali? E come possiamo prevenirle?

  1. Erosioni dentali: il termine stesso può aiutarci a comprendere meglio la natura di questa problematica, legata particolarmente alle nostre abitudini alimentari e alla tipologia di cibi che decidiamo di assumere. Sono quindi da evitare tutti quei cibi e bevande che contengono una forte componente acida al loro interno. Un dente eroso perde parte del tessuto duro di cui è ricoperto, causandone l’ingiallimento e un aumento della sua sensibilità: essendo un tessuto “morto”, lo smalto dentale purtroppo non si auto riparerà. Inoltre è assolutamente importante sapere che l’erosione dentale potrebbe essere una sorta di avvertimento legato a patologie gastrointestinali come gastrite, reflusso o ernia iatale.  

  2. Abrasioni dentali: in questo caso la perdita del tessuto duro non avviene a causa dei cibi ingeriti ma è dovuta ad alcune abitudini sbagliate come l’uso incongruo dello spazzolino da denti. Infatti spazzolare i denti in maniera scorretta, esercitando quindi troppa forza durante la pulizia, può determinare traumi che portano lo smalto ad assottigliarsi. Anche l’utilizzo di dentifrici abrasivi o paste sbiancanti troppo aggressive può danneggiare lo smalto dentale, per questo è importante chiedere sempre consiglio al proprio odontoiatra.

  3. Abrasioni testatesta e abrasioni cervicali non cariose: consistono nella perdita di tessuto dentario a livello dell’occlusione per cause diverse dalla patologia cariosa. Sono generalmente dovute allo stress occlusale/masticatorio, che provoca dei crack cervicali, (che predispongono ad erosione ed abrasione), tipici dei pazienti bruxisti che serrano e digrignano i denti.

Credi di avere erosioni o abrasioni ai tuoi denti? Contattaci compilando il form ed evita assolutamente le soluzioni fai-da-te in quanto possono portare a conseguenze complesse. Ricorda che la salute dei tuoi denti è molto importante, per cui rivolgiti sempre a un professionista.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Articoli recenti